LA FERROLI DI SAN BONIFACIO TORNA A PRODURRE

“Ci è stato comunicato che il piano di ripartenza della produzione è confermato. Ad oggi è rientrato al lavoro circa il 55% degli addetti. Ci è stato confermato, dai commissari Luigi Castelletti e Gianfranco Perazzin che il 24 giugno sono stati erogati 12,5 milioni per la ripartenza. La seconda tranche di 10 milioni sarà il versata entro il 20 luglio.

caldaie ferroli torino

caldaie ferroli torino

Finalmente la produzione è ripartita: i 900 lavoratori stanno rientrano al lavoro e gli ordini sono in lavorazione. Al tavolo è stato chiesto un incontro con la proprietà per sapere quale piano industriale sosterrà l’azione di investimento del fondo americano Oxy Capital, che da mesi ha avviato la trattativa con l’azienda”.

Sono queste le parole pubblicate dal quotidiano Arena e pronunciate dai sindacalisti Luca Mori ( segretario Fim Cisl) e Giovanni Acco ( Fiom Cigl), presenti al tavolo delle trattative per salvare l’azienda Ferroli di San Bonifacio.

Dopo un’odissea durata mesi, i 900 dipendenti vedono finalmente aprirsi la speranza di tempi nuovi. Nel mese di luglio infatti l’azienda si riattiverà con la produzione di 35 mila caldaie.
Le lunghe trattative hanno così salvato l’azienda ed i suoi dipendenti portando i vertici a provvedere alla creazione di un piano di ristrutturazione del debito, come previsto dalla legge 182 bis.