Progettare la sala cinema

Hai una camera inutilizzata all’interno della tua abitazione e vorresti trasformarla in un luogo dove ricevere ed accogliere amici e parenti e dar loro la possibilità di trascorrere ore di puro divertimento?

L’idea che cercavi è “la sala cinema”.

Guardare un film da soli o in compagnia di familiari e amici, seguire una partita di calcio, gustare un concerto musicale, è un passatempo gradito a tutti.

Con pochi semplici mosse, un piccolo investimento e poche opere potrai trasformare un ambiente inutilizzato in un luogo dove trascorrere del tempo lontano dagli stress e dalle tensioni della vita quotidiana.

Con qualche accorgimento e con l’inserimento di moderne tecnologie è possibile creare angoli armoniosi dall’atmosfera accattivante anche in piccole case; per i fortunati possessori di appartamenti più grandi, si potrà allestire un’intera camera a cinema domestico.

Sin da subito è bene stabilire quale forma deve avere la stanza o angolo da allestire, ponderare i materiali, i colori, la disposizione degli arredi e i complementi da introdurre, comprendere comeinsonorizzare le pareti e quale sistema d’illuminazione artificiale adottare.
Altro aspetto fondamentale riguarda l’impianto tecnologico audio-video composto di numerosi apparecchi da scegliere con cura e con l’aiuto di un tecnico che possa indirizzare nella scelta.
Alcuni elementi utili a riprodurre il suono e il video, sono: 
maxi schermo, amplificatore, lettore DVD, altoparlante centrale e due frontali laterali, subwoofer, altoparlanti posteriori, videoproiettore e altri elementi hardware.
Il risultato finale deve essere un ambiente scenografico dall’atmosfera rilassante, con luci soffuse, superfici morbide e soffici, privo di rumori esterni e dal profumo inebriante che rievoca quello di pop corn e patatine.

La sala scelta per introdurre gli apparecchi e gli arredi necessari alla proiezione di film deve avere una geometria tale da permettere di disporli secondo un ideale triangolo equilateroavente ai vertici il diffusore frontale sinistro, quello destro e il luogo centrale di ascolto.
I tre diffusori frontali di sinistra, di destra e del centro, solitamente sono messi alla stessa altezza della testa dell’utente seduto, mentre i diffusori posteriori, preposti all’effetto 3D del suono, sono disposti qualche centimetro al di sopra della testa dell’ascoltatore e tutti orientati verso il luogo centrale di ascolto.
Nel caso in cui le casse acustiche laterali siano collocate in alto, negli angoli delle pareti, e quella centrale sopra lo schermo, si rimedia inclinandole e dirigendole verso la testa dell’utente.
Nello schizzo sottostante è illustrato uno schema tipo che si riferisce alla disposizione delle casse acustiche con i tre diffusori frontali, più o meno allineati e posti all’altezza della testa dell’ascoltatore seduto.

Scelta la forma della sala, quindi la geometria della stanza o dell’angolo da adibire alla funzione programmata, disposti gli elementi dell’impianto nel giusto modo, si deve eseguire una prova audio per accertarsi di avere effettivamente un suono pulito e piacevole; diversamente si deve continuare a spostare i diffusori fino a che non si raggiunge il risultato desiderato.
Le superfici della stanza non possono rimanere spoglie ma devono essere rivestite possibilmente con tessuti e lo spazio va riempito con arredi, tappeti, elementi imbottiti così da assorbire il suono e smorzarlo; l’acustica è ottimizzata equilibrando le superfici riflettenti e assorbenti.

Progettare la sala cinema

Progettare la sala cinema

n quest’ambiente dal forte impatto scenografico, i cavi devono essere possibilmente nascosti nei muri o comunque ordinati con l’ausilio di canaline e corrugati, magari colorati e abbinati ai colori dell’arredo se lasciati in vista.
Le predisposizioni, i cablaggi e i collegamenti devono essere pensati e realizzati con raziocinio e con l’aiuto di tecnici specializzati nel settore giacché entra in gioco la sicurezza.
Se c’è la presenza di finestre, bisogna pensare a un sistema di oscuramentoper adombrare la zona durante la proiezione di un film o comunque durante l’utilizzo specifico dello spazio attrezzato.

Una volta seguiti questi semplici passi, sarete fieri possessori di una sala cinema privata, e poter star certi del fatto che diventerete immediatamente il punto di riferimento per serate alternative all’insegna del divertimento e del relax.